Viaggi24

Bardot Casuale T off Donna Ladies Sciolto Shoulder Camicetta BaZhaHei Camicie Top Tops Rosso Shirt q10w8IZ

IN BASILICATA
Metaponto. L’Agorà
  • Donna off Shirt Tops Casuale BaZhaHei Bardot Sciolto Camicetta T Top Camicie Shoulder Rosso Ladies

Per chi vuole tuffarsi nella culla della civiltà europea, l’indirizzo in Italia è la Magna Grecia. Quella Megàle Ellàs – rimando a una grande Grecia in terra straniera – che fu colonizzazione raffinata e fiorente sul suolo del Meridione d'Italia a partire dall'VIII secolo avanti Cristo. E che portò con sé una poderosa influenza politica e militare, creando centri di intensa vita culturale e artistica.

Testimonianze della floridezza dell'antica polis di Metapontum sono ancora visibili nelle aree archeologiche. Su una collina è possibile ammirare le Tavole Palatine, nome con cui tradizionalmente si indicano i resti del tempio extraurbano dedicato a Hera. Realizzato in stile dorico nel 530 a.C., è l'unico edificio monumentale di culto di cui si conserva parte del colonnato esterno. La costruzione originaria aveva 6 colonne sul lato corto e 12 colonne su quello lungo, ma ne rimangono solo 15 (restaurate nel 1961), disposte in due ali, le quali sostengono due pezzi dell'architrave.

Il Parco archeologico di Metaponto è una bellissima zona archeologica sul golfo di Taranto, collocata tra le foci dei fiumi Bradano e Basento, in provincia di Matera. Il sito dell'antica Metapontion conserva quanto si è salvato dalle continue spoliazioni del passato. Rivela un centro abitato con planimetria regolare, formata da isolati allungati, con una plateia (l'asse viario principale) e strade perpendicolari secondarie. La città era collegata al mare da un canale. Vi sono resti di mura, un teatro costruito su un terrapieno artificiale, la necropoli di Crucinia, che comprende i resti del santuario dedicato ad Apollo Licio e l'attigua Agorà. In esso sono situati quattro templi: il più antico è dedicato ad Atena, il tempio di Apollo, i resti del tempio di Hera in stile dorico e il tempio dedicato ad Afrodite. Si conservano due fornaci nel quartiere dei vasai e il castrum romano, costruito forse per ospitare la guarnigione. Si possono inoltre ammirare i resti di una chiesa paleocristiana con battistero. Nel borgo di Metaponto, ricostruito in epoca fascista, sorge il Museo Archeologico Nazionale. Come Atene, anche Metaponto era dotata di un quartiere artigiano che si chiamava kerameikòs: una zona fuori dal centro abitato dove si concentravano gli atelier di coloro che creavano, tornivano e dipingevano le ceramiche che oggi sono in esposizione, insieme ai ritrovamenti emersi dagli scavi del Parco e dei di Metaponto. Tra i manufatti risalenti all'Età del Ferro, all'epoca della Magna Grecia e a quella dell'antica Roma, si possono ammirare ceramiche, statue e pezzi di gioielleria. Di particolare interesse sono le teste di Medusa. A pochi chilometri di distanza c'è il Museo Nazionale della Siritide di Policoro, che sorge nelle vicinanze dell'antica Siris-Herakleia. E' dedicato alle colonie greche di Siris (VII-VI secolo a.C.) e di Herakleia (V secolo a.C.-I/IIsecolo d.C.) e al mondo italico delle vallate dell'Agri e del Sinni.

Attraverso un'esposizione basata su criteri cronologici e topografici, documenta i diversi aspetti delle due successive colonie greche, come la vita civile, economica e religiosa, l'artigianato. I reperti archeologici provengono sia degli abitati sia delle relative necropoli. L'antica Siris, costruita intorno al 680 a.C. dai Colofoni provenienti dall'Asia Minore, fu distrutta da una coalizione Achea agli inizi del VI sec. a.C.. Dopo un periodo di decadenza, nel V sec. a.C., le colonie di Taranto e Thuru la ricostruirono sulle vecchie rovine col nome di Heraclea. Nei pressi della città si svolse il primo grande scontro tra i Romani e Pirro nel 280 a.C.

Policoro, oggi importante centro balneare della regione, è dotata di varie strutture turistiche anche di pregio per il soggiorno estivo. Dall'altro lato rispetto alle rovine di fiorenti città c'è la costa ionica, con le sue spiagge di sabbia bianca bordate di pinete e strisce di costa sabbiosa, dove le spiagge si susseguono con continuità e i lidi turistici si addensano. Luoghi affollati d'estate ma piuttosto solitari nel resto dell'anno, in ogni caso adatti a chi voglia percorrere lunghi tratti di litorale in bicicletta e cercare angoli di natura intatta.

Sconfinando poi verso la Puglia, a meno di mezz'ora di strada c'è Taranto, che della Magna Grecia fu la città più vasta e importante. Le versioni sull'origine della città̀ sono varie. Alcuni sostengono che fu l'eroe spartano Falanto, divenuto condottiero dei Partheni, cioè di quel gruppo di cittadini emarginati in quanto figli illegittimi dell'aristocrazia al potere a Sparta, a fondare la città̀ di Saturo (ora importante sito archeologico a 10 km dal centro urbano) nell' VIII secolo a.C.; altri asseriscono, invece, che la nascita, intorno al 2000 a.C., sia stata opera di Taras, uno dei figli di Poseidone, dal quale deriverebbe il nome Taranto; le fonti tramandate dallo storico Eusebio di Cesarea parlano invece del trasferimento di alcuni spartani per necessità̀ di espansione o per ragioni commerciali.

Taranto possiede uno dei musei nazionali più importanti per quanto riguarda le vestigia di quel glorioso passato. Il Museo Archeologico Nazionale - detto anche MARTA - con le sue 17 sale racconta la storia dall'epoca ellenistica a quella bizantina. Di particolare pregio sono le ceramiche, che venivano realizzate a Taranto già nel IV secolo. Ve ne sono anche di corinzie e laconiche, ma i pezzi più̀ importanti sono gli splendidi vasi attici rossi e neri, la maggior parte dei quali è decorata con storie mitiche raffiguranti eroi. E poi c'è̀ il tesoro: una magnifica collezione di gioielli in oro, creati quasi tutti da artigiani tarantini nel IV secolo a.C.. Il pezzo più̀ famoso è̀ uno schiaccianoci in bronzo a forma di due mani strette, mentre le due braccia in bronzo sono decorate con bracciali a spirale in oro. I tesori della Taranto colonia di Sparta, sontuosa capitale della Magna Grecia, sono tutti qui. Un viaggio da quelle parti, insomma, diviene d'obbligo.

Soprattutto perché dal 4 al 6 maggio proprio a Metaponto si terrà il primo festival della Magna Grecia. Il Festival si occuperà di filosofia, arte e scienza, con un occhio di riguardo per le antiche tradizioni che si svolsero nel tempo acheo, nonché i rituali sacri alla dea Hera e non solo, nel segno e nel nome di Pitagora, il principale esponente del pensiero magno-greco che, proprio a Metaponto, fondò una delle scuole più prestigiose, inventò il celebre teorema e le note musicali e infine perì (e dovrebbe esservi sepolto, ma non si sa bene dove). Si rievocherà la storia gloriosa dell'antica colonia magno-greca in tre giornate incentrate su incontri con ospiti internazionali, spettacoli di rievocazione storica e manifestazioni sportive. Attesi circa 200 figuranti tra guerrieri, donne con abiti antichi degustazioni di ricette pitagoriche

Dove Dormire
Nell'assolato borgo sul fiume Basento (nel cui territorio comunale la frazione di Metaponto ricade) c'è Palazzo Margherita a Bernalda il buon retiro della famiglia Coppola. Un palazzo ottocentesco il cui giardino venne definito il più bello del Regno di Napoli che il celebre regista - il cui nonno era emigrato proprio da Bernalda - ha acquistato per trasformarlo in uno degli hotel boutique più lussuosi del mondo.

Giardino Giamperduto a Bernalda
Si respira la brezza marina e tutto il fascino magnogreco in questo b&b gestito con maniacale passione dal proprietario, Francesco Montemurro, avvocato e scrittore di gialli, che vi accoglierà in questo antico caseificio trasformato in oasi mediterranea ove imbarcarsi in interminabili chiacchierate sul senso della vita e la politica e qualsiasi cosa come al tempo dei filosofi che qui bazzicavano.

Dove mangiare

Frequentato dai divi del cinema, ospiti di Palazzo Coppola che dista una trentina di chilometri, Riva dei Ginepri beach club a Marina di Pisticci è una spiaggia con annesso e celebrato ristorante di specialità marinare vi farà sentire come alle Maldive. E non solo perché i pasti vengono serviti in riva al mare con tanto di tavola apparecchiata o perché potrete affittare un vero e proprio letto a baldacchino anziché il solito e triste ombrellone.

© Riproduzione riservata

  • 5.
  • Bardot Casuale T off Donna Ladies Sciolto Shoulder Camicetta BaZhaHei Camicie Top Tops Rosso Shirt q10w8IZ Bardot Casuale T off Donna Ladies Sciolto Shoulder Camicetta BaZhaHei Camicie Top Tops Rosso Shirt q10w8IZ Bardot Casuale T off Donna Ladies Sciolto Shoulder Camicetta BaZhaHei Camicie Top Tops Rosso Shirt q10w8IZ Bardot Casuale T off Donna Ladies Sciolto Shoulder Camicetta BaZhaHei Camicie Top Tops Rosso Shirt q10w8IZ